Dichiarazione dei redditi - Spese e oneri per i quali spetta la deduzione dal reddito complessivo - Contributo S.S.N. - R.C. veicoli

15 Maggio 2013

È scattata la corsa per la presentazione della dichiarazione dei redditi.

Nel Modello 730/2013 il contribuente può portare in deduzione dal reddito complessivo anche l’importo dei contributi sanitari obbligatori per l’assistenza erogata nell’ambito del Servizio sanitario nazionale versati nel 2012 con il premio di assicurazione di responsabilità civile per i veicoli (Contributo S.S.N. - R.C. veicoli).

Quando un automobilista firma un contratto di assicurazione auto, stipula infatti anche una polizza che comprende una quota a copertura delle spese per eventuali incidenti stradali, che viene versata direttamente al SSN e su cui è possibile ottenere una deduzione dal reddito complessivo.

Da quest’anno però qualcosa è cambiato.

A seguito della Riforma Fornero (legge n. 92/2012) potrà essere portato in deduzione dal reddito complessivo solo la parte di contributi che supera complessivamente l’importo di 40 euro. Quindi se il contributo SSN non supera questa cifra non sarà possibile ottenere alcuna deduzione.

Brutte sorprese quindi per gli automobilisti.

Il contributo Ssn è calcolato in proprozione al valore della polizza e ammonta al 10,50% del premio RC Auto versato. Questo significa che con una soglia fissata a 40 euro, la deducibilità scatta solo per chi paga un premio superiore ai 381 euro (10,5% di 381 = 40).

Secondo i dati, questo nuovo sistema colpirà circa il 51% degli automobilisti, che si vedrà negato lo sconto fiscale.

L’esclusione sarà maggiore soprattutto nelle regioni dove i premi assicurativi sono più bassi, quali Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, dove le aree in cui la percentuale dei cittadini che non avranno più diritto alle deduzioni supera il 70%. In queste regioni gli automobilisti che oggi pagano per la propria polizza Rc un premio netto più basso di 381 euro sono infatti il 78% e 71,2% del totale. Saranno meno toccati dalla manovra i cittadini di Campania (10,6%) Calabria (24,9%) e Puglia (30,7%), in cui i premi assicurativi sono più elevati.


Dizionario giuridico

Non ti sono chiari alcuni termini?
Levati ogni dubbio

Dizionario giuridico.

Vieni a dire la tua ...

Quello che pensi ... e' importante per noi ...
 

Visita il nostro forum.

Synet S.r.l., Piazza Pinelli 1/3, 16124 GENOVA,  tel 010 2091060, fax 010 8992088, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
C.F., P. IVA e n. di iscrizione alla CCIAA di Genova 02098800994 - capitale sociale 10.000,00 euro