Riforma del condominio parte prima: l'amministratore

03 Dicembre 2012
Il 20 novembre 2012 è stato approvato definitivamente dalla Commissione Giustizia del Senato il progetto di legge di riforma del condominio, precedentemente approvato alla Camera. Vediamo in sintesi le principali novità.
È doveroso precisare che il testo in esame entrerà in vigore dopo sei mesi dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale (indicativamente alla fine del mese di Giugno 2013).

Amministratore (art. 1129 c.c.):
· obbligo di nominare un amministratore quando i condomini sono più di otto; qualora non provveda l'assemblea, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini o dell'amministratore dimissionario;
· possesso, su richiesta dell'assemblea, di polizza di R.C. professionale, che dovrà essere adeguata nel caso in cui vengano deliberati lavori straordinari durante il suo mandato;
· obbligo di affissione delle generalità e dei recapiti dell'amministratore sul luogo di accesso al condominio o di maggior uso comune;
· tutti i flussi finanziari del condominio dovranno necessariamente transitare attraverso un apposito conto corrente bancario intestato al condominio;
· per il passaggio di consegne l'amministratore non avrà diritto ad ulteriore compenso;
· l'amministratore è tenuto ad agire per la riscossione forzosa delle somme dovute dagli obbligati entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio, salvo espressa dispensa dell'assemblea; · rinnovo tacito dell'incarico annuale salvo delibera di revoca;
· la revoca dell'amministratore può essere deliberata in ogni tempo dall'assemblea, con la maggioranza prevista per la sua nomina oppure con le modalità previste dal regolamento di condominio, oppure dall'autorità giudiziaria su ricorso di ciascun condomino in caso di gravi irregolarità o mancanze dell'amministratore;
· obbligo di specificare analiticamente il compenso per l'attività svolta al momento della nomina.

Attribuzioni dell'amministratore (art. 1130 c.c.): tra i nuovi compiti dell'amministratore si segnalano:
· l'obbligo di curare il registro di anagrafe condominiale, contenente le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento;
· la cura del registro dei verbali delle assemblee, del registro di nomina e revoca dell'amministratore e del registro di contabilità (nel quale dovranno essere annotati entro trenta giorni i singoli movimenti in entrata ed uscita);
· l'obbligo di fornire al condomino che ne faccia richiesta attestazione relativa allo stato dei pagamenti degli oneri condominiali e delle eventuali liti in corso;
· la redazione del rendiconto condominiale annuale della gestione entro centottanta giorni.

Rendiconto condominiale (art. 1130 bis c.c.): obbligo di rendiconto con redazione dello stato patrimoniale del condominio e relazione sintetica esplicativa della gestione. Conservazione decennale della documentazione e la possibilità di nomina, da parte dell'assemblea, di un revisore che verifichi la contabilità del condominio.

Requisiti dell'amministratore (art. 71 bis disp. att. c.c.): vengono introdotti dei requisiti minimi per svolgere il compito di amministratore, tra i quali emergono il possesso di diploma di scuola secondaria superiore e la frequenza di un corso di formazione (requisiti non necessari per chi ha svolto per almeno un anno la professione di amministratore nel triennio precedente all'entrata in vigore della normativa in esame), l'obbligo di formazione periodica, l'assenza di condanne per delitti contro la pubblica amministrazione, l'amministrazione della giustizia, la fede pubblica, il patrimonio o per ogni altro delitto non colposo per il quale la legge commina la pena della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e, nel massimo, a cinque anni e la non annotazione del proprio nominativo nell'elenco dei protesti cambiari.

Avv. Daniele Pallotta

Hai bisogno di consulenza o assistenza legale?
Scegli il tuo avvocato su dirittosemplice!




Dizionario giuridico

Non ti sono chiari alcuni termini?
Levati ogni dubbio

Dizionario giuridico.

Vieni a dire la tua ...

Quello che pensi ... e' importante per noi ...
 

Visita il nostro forum.

Synet S.r.l., Piazza Pinelli 1/3, 16124 GENOVA,  tel 010 2091060, fax 010 8992088, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
C.F., P. IVA e n. di iscrizione alla CCIAA di Genova 02098800994 - capitale sociale 10.000,00 euro